sabato 15 luglio 2017





Per fortuna succede anche questo.

Sabaudia, campione di nuoto down salva bimba che annegava.

Valerio Catoia, giovane atleta portatore di handicap, era spiaggia a Sabaudia, alla Bufalara, e stava facendo il bagno con il papà quando si è accorto di una bambina in difficoltà e non ha esitato ad aiutarla.

Buona domenica a tutti.

15 commenti:

  1. Caro Fulvio, lo vista la notizia in TV, credo che tutti dovremmo imparare da loro!!!
    Ciao e buon fine settimana con un abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tomaso,quasi sempre queste persone posso insegnare e dare tanto.
      Un abbraccio anche a te,fulvio

      Elimina
  2. Un atto di generosità bellissimo, la sensibilità di questo ragazzo ha superato tutte le difficoltà. Un grande esempio.
    Grazie Fulvio per aver riportato questa bellissima notizia.
    Un abbraccio,
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Dani delle tue parole.
      Un abbraccio e una felice domenica,fulvio

      Elimina
  3. La mamma della bimmba non lo ha neanche ringraziato ...Ciao

    RispondiElimina
  4. Non importa,certi comportamenti si qualificano da soli,superficialità e ignoranza,spesso la fanno da padroni.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
  5. Buona domenica Fulvio, ho sentito la notizia, Valerio è stato in gamba.
    Ciao. Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ale,più molti normodotati.
      Ciao fulvio

      Elimina
  6. Si grande atto di generosità e coraggio, sorprende.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spesso vengono criticati,ma sono meglio di noi.
      Ciao fulvio

      Elimina
  7. Un coraggioso ragazzo di grande sensibilità e generosità, grande esempio per tutti noi!
    Un abbraccio e buon pomeriggio da Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Beatris,sono ragazzi meravigliosi e capaci.
      Un abbraccio anche a te,felice settimana,fulvio

      Elimina
  8. Ho lavorato con ragazzi in difficoltà. Chi era in difficoltà ero io!!! Dopo catechismo, nei tempi comandati facevamo del teatro, teatro parrocchiale....Elisa era con noi, sempre. Il primo giorno i ragazzi risero. Dopo una breve, non tanto breve, spiegazione non risero più altrimenti addio parte!. Elisa abita vicino a me, ha frequentato una scuola a Milano e se la sbriga benissimo. Quando esce con il cagnolino, mi suona il campanello, un saluto e via. Dimmi fulvio. E' necessario tutto questo? Hanno un cromosoma in più o in meno, non so, ma perchè dobbiamo mettere in evidenza ciò che sono o ciò che fanno? Ti assicuro che hanno una serenità e nel lavoro ci mettono tutto l'impegno che noi, normodotati, neanche ce lo sogniamo......Abbiamo lavorato, strappato l'erba in cimitero , un anno, se potessi lo rifarei....e i nomi? li ho tutti qui sul palmo delle mie mani e nel cuore. E ringrazio tutte le persone di buona volontà, che gratuitamente vivono con loro, quando i genitori non li possono più aiutare! Quello è il vero problema: oggi lo Stato è completamente assente , come in tante altre cose....non meravigliamoci, ma pensiamoci! Conosco anche Marty e ho sentito la madre (terza di due sorelle più grandi) dire "ma tu da che stella sei discesa per fare tutta questa luce?" Ci vuole amore, non stupore! Abbraccio, tu hai ripreso l'articolo molti non considerano queste persone...persone! Buonanotte.

    RispondiElimina
  9. Ciao Dani,a Trieste qualchecosa si è fatto,esiste una coperativa sociale dove questi meravigliosi ragazzi vengono avviati al lavoro come giardinieri e se la cavano benissimo,peccato che ancora nel III millennio esista la paura verso il diverso.
    Un caro saluto ,fulvio
    Grazie della tua testimonianza

    RispondiElimina