domenica 16 giugno 2019


Bianchi e neri,ma siamo veramente uguali

Si narra che durante un viaggio con l"aereo al grande Albert Einstein venne chiesto di dichiarare sul modulo di entrata negli Stati Uniti la propria appartenenza razziale e lui scrisse "umana "
Sono d'accorto con lui sulla umanità di tutti i bipedi terrestri,ma siamo veramente tutti uguali?


Noi bianchi gli abbiamo colonizzati e sfuttati,ma perché si sono fatti sfruttare?
Noi avevamo i fucili e loro perché non gli avevano.
Noi curiamo le malattie,loro hanno le epidemie.
Noi,(non sempre purtroppo),conosciamo la democrazia e riconosciamo la maggioranza,loro per cambiare i governanti spesso uccidono quelli della parte avversa.
Noi eravamo e siamo, astronomi, navigatori, ingegneri ,medici ecc.insomma siamo nella media acculturati ed evoluti (Non tutti),ma quando siamo partiti per esplorare l'Africa sub sahariana abbiamo trovato solo popolazioni non evolute e in lotta tra di loro, che vivevano in ricoveri di paglia e fango e mi pare che poco sia cambiato.
Noi bianchi,quando siamo stati invasi ,abbiamo sempre combattuto,loro scappano invece di difendere i loro territori e i loro diritti.
Nella preistoria quando ci siamo elevati a bipedi eravamo alla pari,perche l'uomo bianco si è evoluto e l'uomo nero no.


E allora la domanda sorge spontanea,siamo veramente uguali?

martedì 11 giugno 2019



Amo il mare.

Fa troppo caldo per scrivere di cose serie.
Il mare mi aspetta ,sono quasi pronto.


martedì 4 giugno 2019

La Tv e gli Italici.

Un tempo lontano gli italiani si riunivano attorno alla radio per ascoltare un concerto o la commedia settimanale,poi arriva il tubo catodico e la vecchia radio viene sostituita dalla televisione,dove ancora,il teatro in tutte le sue espressioni la fa da padrone,assieme al varietà del sabato che sempre teatro è se pur leggero.
Gli interpreti di questa Tv erano bravi attori italiani o spesso stranieri,gente che aveva fatto la gavetta al cinema o nei teatri.
Oggi le genti italiche del III millennio  (fortunatamente non tutti ma sempre troppi) sono colpiti dal morbo del guardone,vivono con la Tv accesa da mattina a sera inoltrata,felici di appassionarsi alle gesta di mediocri sconosciuti che in video esprimono la loro pochezza e il loro peggio,per la maggiore,litigano ,si insultano o fanno la pace,quasi sempre per storie di mutanda.
Che tristezza. 

lunedì 27 maggio 2019

Italiani.



Rispetto il responso democratico delle urne che incorona Matteo Salvini e la Lega ,vincitori, ma ho vergogna e nessuna considerazione di quei miei concittadini che per l'assurda paura del diverso hanno votato per un vergognoso razzista che strizza l'occhio alla impresentabile e oscurantista destra estrema.

martedì 21 maggio 2019


Silvio Berlusconi,la tragedia di un uomo ridicolo.



Nato nel 1936 leggermente obeso,capelli finti e tinti (male) dentiera a 42 denti (32 erano pochi) abbronzato con il fondotinta ,anni 82 e la tragedia di non accettarsi vecchio.'

mercoledì 15 maggio 2019

Pensiero mio delle ore 06.



L'Alba è il momento meraviglioso che ci conduce verso il futuro incerto di un nuovo giorno.
Felice giornata a tutti.

domenica 5 maggio 2019

 Fascisti in Italia.

Un tempo tutti i cittadini,o quasi,si professavano Fascisti.Indossavano la camicia nera nelle grandi occasioni  e durante le marcette obbligatorie, il sabato (sabato Fascista) nella piazza della citta'.
Pochi,però ,erano Fascisti per convinzione ideologica ma moltissimi  per necessità.
Senza la tessera del partito non avevi lavoro e ti era preclusa la tessera anonaria alimentare,necessaria per acquistare i pochi generi alimentari in commercio.Oggi, che viviamo liberi,anche di rimpiangere il triste Ventennio,molti giovani oscurantisti e razzisti e qualche vecchio nostalgico ,ogni tanto escono allo scoperto,innegiando alla Destra estrema con canti e ridicole esibizioni di braccia tese al grido:Presente.

Ma non sono Fascisti,sono solamente vecchi che dalla trgedia storica nulla hanno capito,o giovani ignoranti che quella storia non la hanno studiata.
Ancora oggi questi tristi figuri si radunano per inneggiare ad un cialtrone buffo nelle sue manifestazioni,che dopo aver per un Ventennio predicato l'onore,vistosi in difficoltà ha abbandonato tutti i suoi sodali,cercando di fuggire come un topo da fogna,travestito da soldato tedesco,portandosi appresso la "cassa" e l'amante.
Attenzione a non sottovalutare il fenomeno, anche se oggi sembrano solamente dei tristi e risibili figuri ricordriamoci sempre che anche negli anni venti iniziò così.