mercoledì 18 ottobre 2017


Dubbio amletico.
Votare o non votare
e votare,ma per chì?
 
 

 
Ho sempre votato,un tempo per il PC,poi come molti ,ho seguite le varie,divisive e disastrose metamorfosi della Sinistra,fino ai nostri giorni, ma per le politiche prossime ,tra liste bloccate e nominati dalle segreterie dei partiti non saprei scegliere,non il migliore,ma nemmeno il meno peggio.


17 commenti:

  1. Votare sicuro fortunatamente c'è tempo per trovare il meno peggio.
    un saluto carissimo e riguardati sempre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla fine voterò, turandomi il naso,ma la puzza è forte.
      Grazie e un caro saluto,fulvio

      Elimina
  2. Cara Fulvio, questo è un dilemma, ma se riflettiamo dobbiamo fare una scelta e votare!!!
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tomaso,una scelta obbligatoria,ma non facile.
      Felice serata,un abbraccio,fulvio

      Elimina
  3. Bella domanda, perché sono nella stessa situazione.
    Alla fine spererò nella vittoria di Silvio, per avere lo scontro tra titani^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo talmente nella merda,che il peggiore può diventare il salvatore della patria,ma io non lo voterò mai,ho buona memoria e non dimentico i suoi vent'anni di Governo.
      Ciao fulvio

      Elimina
  4. Siamo così messi male che ormai votare sta diventando un "vediamo chi fa il meno peggio"... terribile!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Franni,purtroppo è così e a breve non vedo miglioramenti.
      Un abbraccio anche a te,fulvio

      Elimina
  5. La mia esperienza di elettore è simile alla tua ma se guardo a quello che è lo scenario politico oggi, credo di avere molti meno dubbi su come votare. Anzi, penso proprio di non averne!

    Sono tra coloro che non hanno mai giustificato l'astensione dal voto anche se, recentemente, l'ho dovuto rivalutare, visto che sempre più appare come un messaggio di protesta e non, come in passato, di menefreghismo tipico italiota. Comunque, non esercitare attivamente un proprio diritto/dovere lo ritengo sbagliato. Quindi al seggio ci si deve andare e io andrò anche in questa prossima occasione.

    Mi rifiuto, inoltre, di votare il meno peggio. Proprio non ci riesco, è più forte di me. Per farmi capire: una martellata su un dito è "meno peggio" di una martellata in un occhio. Ma perché affrontare l'esperienza di una martellata su un dito solo perché è meno peggio di altro? Io desidero il meglio per me (e, roba da non credere, anche per gli altri) e siccome la qualità della mia vita dipende dalle decisioni che prende la "politica" (anche se tanta ma tanta gente non l'ha ancora capito), devo poter scegliere bene.

    Purtroppo rimane, come in questo frangente, il non voto. Quindi, a meno che non accada qualcosa di nuovo che mi induce a votare per qualcuno, andrò al seggio, mi farò consegnare la scheda e, poi, la riconsegnerò con un bel disegnino (in modo che a qualcuno non possa venire la malsana idea di mettere involontariamente qualche segno sopra alla stessa, perché intonsa). Annullo la scheda e mando un preciso messaggio: mi fate talmente schifo come candidati, tutti, che mi rifiuto di votarvi. Non mi rappresentate.

    Qualcuno potrà obiettare che ci sarà comunque "una maggioranza" per qualcuno, tra quello schifo. Certo, infatti è per questo che stiamo nella condizione in cui siamo! Ma ciò non dipende dalla mia responsabilità di elettore

    Un saluto, Fulvio.

    RispondiElimina
  6. Ciao Carlo,escludendo il periodo della mia militanza in Lc,ha sempre fatto il mio dovere_diritto di elettore,a volte con partecipazione e convinzione,altre meno.Alle ultime "Amministrative" ho votato per il Pd che dopo aver governato senza infamia e priva di lodi,la mia città, ha perso di brutto.Al Referendum costituzionale ho votato un No convinto.Poi Renzi e il Pd hanno dato il peggio di loro stessi,con un governo di raccomandati e incapaci.Oggi ho stima di Gentiloni,anche se doveva osare dipiù e cambiare la squadra di Governo,ma alle prossime elezioni politiche,se Renzi sarà ancora al suo posto,non voterò più Pd,ma spero che la bastonata che prenderanno in Sicilia provochi la fine della segreteria e del "cerchio magico" e allora avrò risolto i miei problemi di elettore.
    Un caro saluto,fulvio

    RispondiElimina
  7. ho sempre avuto e ho le idee abbastanza chiare. ho distribuito voti un po' a tutti gli schieramenti di opposizione. con esclusione quindi di: monarchici, psi, psdi, repubblicani, liberali, msi, dc, ds, pd, forza italia e centristi vari. ciao

    RispondiElimina
  8. Io ,un tempo ero convinto,ma oggi non più.Peccato che i Monarchici non si presentano,forse gli voterei.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
  9. Bella domanda, un dubbio amletico anche per me, purtroppo. Siamo messi così male che sarò costretta a votare il meno peggio, ma qual'è?
    Ciao, buon inizio settimana, Stefania

    RispondiElimina
  10. Cara Stefania,già,chi è il meno peggio.
    Forse non lo sapremo mai.
    Un caro saluto,fulvio

    RispondiElimina
  11. Il "gigante di Venezia" questa sera propone che l'Italia intera voti sui programmi (?) votati in questi giorni. Penso abbia perso anche l'ultimo barlume di lucidità. Ma forse non ne aveva già da tempo.....
    Ciao fulvio. Grazie per il commento. Buona notte Lucia

    RispondiElimina
  12. Ciao Lucia,oramai mi sembra che tutti i nostri politici,di governo o di opposizione, sono stati colpiti da marasma mentale.
    Ciao lucia e felice giornata,fulvio

    RispondiElimina